Il Patronato SENAS di ORTA NOVA assiste e tutela gratuitamente i cittadini in sede amministrativa e giudiziaria per il conseguimento delle prestazioni erogate da:

 

 

 

                     

 

 

 

Consulta il decreto Decreto Salva Italia

Indennità per riposi per allattamento

CHE COS’E’



Un’indennità economica, sostitutiva della retribuzione, pagata dall’Inps ai lavoratori per le ore di assenza dal lavoro fruite per l’allattamento durante il primo anno di vita del bambino oppure durante il primo anno dall’ingresso in famiglia del minore in caso diadozione o affidamento. 


A CHI SPETTA

  • Alle lavoratrici dipendenti assicurate all’Inps anche per la maternità (apprendiste, operaie, impiegate, dirigenti), escluse le lavoratrici a domicilio, le lavoratrici addette a servizi domestici e familiari (colf e badanti), le lavoratrici sospese o assenti dal lavoro senza retribuzione, le lavoratrici iscritte alla gestione separata dell’Inps

 

  • Alle lavoratrici agricole a tempo determinato che hanno lavorato per 51 giornate nell’anno precedente quello di fruizione dei riposi oppure nello stesso anno dei riposi, prima dell’inizio degli stessi

 

  • Alle lavoratrici LSU o APU (attività socialmente utili o di pubblica utilità)

 

  • Ai padri lavoratori dipendenti, qualora: 
     - il figlio è affidato solo al padre 
     - la madre, lavoratrice dipendente, non fruisce dei riposi 
     - la madre è lavoratrice autonoma 
     - la madre è morta o gravemente inferma.
  • Il padre lavoratore dipendente non può chiedere i riposi giornalieri durante il congedo di maternità o il congedo parentale della madre. La madre, invece, può chiedere i riposi giornalieri anche durante il congedo parentale del padre.

 

 

COSA SPETTA



Un’indennità economica pari alla retribuzione che sarebbe stata pagata alla lavoratrice (o al lavoratore) qualora avesse lavorato nelle ore di riposo. 
Spettano due ore di riposo se l’orario contrattuale di lavoro è pari o superiore alle 6 ore giornaliere; spetta un’ora di riposo se l’orario è inferiore alle 6 ore. In caso di parto gemellare o in caso di adozione o affidamento di più minori, le ore di riposo sono raddoppiate. 

 

 

LA DOMANDA



Va presentata al proprio datore di lavoro. In caso di richiesta del padre la domanda va presentata in forma libera anche alla sede Inps di residenza (o di domicilio se diverso dalla residenza); la domanda può essere spedita all’Inps per posta (raccomandata con ricevuta di ritorno) o tramite un ente di patronato che offre assistenza gratuita, allegando la fotocopia del documento di identità. 

DOCUMENTAZIONE



Figlio biologico:

 

  • Certificato di nascita del bambino o autocertificazione.

Adozioni/affidamenti preadottivi nazionali:

  • copia del provvedimento di adozione/affidamento
  • copia del documento dell’autorità competente da cui risulti la data di effettivo ingresso del minore in famiglia.

Adozioni/affidamenti preadottivi internazionali:

  • copia dell’autorizzazione all’ingresso in Italia del minore rilasciata dalla Commissione per le Adozioni Internazionali (CAI)
  • in caso di provvedimento straniero di adozione: copia del decreto di trascrizione nel registro di stato civile emesso dal tribunale dei minori o autocertificazione.

Affidamenti non preadottivi:

  • copia del provvedimento dell’autorità competente da cui risulta la data di effettivo ingresso del minore in famiglia.

Morte della madre:

  • certificato di morte della madre o autocertificazione.

Grave infermità della madre:

  • certificazione medica rilasciata dal medico dell’ASL (Servizio Sanitario Nazionale). La certificazione va consegnata all’Inps in busta chiusa.

Affidamento esclusivo del figlio al solo padre:

  • copia del provvedimento del giudice da cui risulta l’affidamento esclusivo.

Rinuncia della madre lavoratrice dipendente:

  • autocertificazione del padre richiedente attestante la rinuncia ai riposi da parte della madre.

Madre lavoratrice autonoma:

  • autocertificazione del padre richiedente attestante la qualità di lavoratrice autonoma della madre.

 

 

CHI PAGA



Di regola, l’indennità è anticipata in busta paga dal datore di lavoro

L’indennità è pagata direttamente dall’Inps ai lavoratori:

 

  • stagionali a tempo determinato
  • agricoli a tempo determinato
  • dello spettacolo saltuarie o a termine.

Il pagamento diretto è effettuato dall’Inps secondo la modalità scelta nel modello di domanda:  

  • bonifico presso l’ufficio postale 
  • accredito su conto corrente bancario o postale.

Una volta presentata la domanda, se Inps non paga entro 1 anno dalla fine del congedo, l’indennità si perde per prescrizione
Per evitare la perdita dell’indennità, è necessario portare all’Inps una richiesta scritta di pagamento prima che finisca l’anno di prescrizione. La richiesta può essere anche spedita per posta con raccomandata con ricevuta di ritorno. Dalla data della richiesta, se nel frattempo il pagamento non è avvenuto, inizia a decorrere un altro anno di prescrizione.

 

scarica la domanda da qui 

 

Mobilità

È un intervento a sostegno di particolari categorie di lavoratori licenziati da aziende in difficoltà che garantisce al lavoratore un' indennità sostitutiva della retribuzione e ne favorisce il reinserimento nel mondo del lavoro.



A CHI SPETTA

L'indennità spetta ai lavoratori con qualifica di operaio, impiegato o quadro:

  • licenziati, collocati in mobilità e iscritti nelle relative liste;
  • in possesso di un'anzianità aziendale di almeno 12 mesi, di cui almeno sei di effettivo lavoro;
  • che erano stati assunti a tempo indeterminato da:
    • imprese industriali che hanno impiegato mediamente più di 15 dipendenti nell'ultimo semestre;
    • imprese commerciali che hanno impiegato mediamente più di 200 dipendenti nell'ultimo semestre;
    • cooperative che rientrano nell'ambito della disciplina della mobilità, che hanno impiegato mediamente più di 15 dipendenti nell'ultimo semestre;
    • imprese artigiane dell'indotto, nel solo caso in cui anche l'azienda committente ha fatto ricorso alla mobilità;
    • aziende in regime transitorio:
      • aziende commerciali che hanno impiegato mediamente tra 50 e 200 dipendenti nell'ultimo semestre;
      • agenzie di viaggio e turismo che hanno impiegato mediamente più di 50 dipendenti nell'ultimo semestre;
      • imprese di vigilanza che hanno impiegato mediamente più di 15 dipendenti nell'ultimo semestre.

Dal 01.01.2005 al personale, anche viaggiante, dei vettori aerei e delle società da questi derivanti, indipendentemente dal limite numerico dei dipendenti occupati nell'ultimo semestre.



QUANDO SPETTA

In caso di licenziamento per:

  • esaurimento della cassa integrazione straordinaria;
  • riduzione di personale;
  • trasformazione dell'attività aziendale;
  • ristrutturazione dell'azienda;
  • cessazione di attività aziendale

 

LA DOMANDA

La domanda di indennità di mobilità ordinaria può essere inoltrata, a pena di decadenza, entro il 68° giorno dal licenziamento:

  • WEB – servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN dispositivo attraverso il portale dell’Istituto;
  • Contact Center integrato – n. 803164;
  • Patronati/Intermediari dell’Istituto – attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.

 

LA DECORRENZA

L'indennità decorre:

  • dall' 8° giorno se la domanda viene presentata entro i primi 7 giorni dal licenziamento o dalla scadenza dell'indennità per mancato preavviso;
  • dal 5° dalla data di presentazione della domanda, se la stessa viene presentata dopo il 7° giorno.

 

IL PAGAMENTO

L'indennità viene pagata direttamente dall'Inps, con una delle seguenti modalità a scelta dell'interessato:

  • tramite bonifico bancario o postale. Devono essere indicati anche gli estremi dell'IBAN (27 caratteri:stato, CIN, ABI, CAB e numero di c/c.);
  • allo sportello di un qualsiasi Ufficio Postale del territorio nazionale o localizzato per CAP previo accertamento dell'identità del percettore, presentando:
    • un documento di riconoscimento;
    • il codice fiscale;
    • consegnando l' originale della lettera di avviso della disponibilità del pagamento trasmessa all'interessato via Postel in Posta Prioritaria.

 

QUANTO SPETTA

Spetta nella misura dell'80% della retribuzione teorica lorda spettante, che comprende le sole voci fisse che compongono la busta paga. 
Per i primi dodici mesi, è pari al 100% del trattamento straordinario di integrazione salariale, detratta una aliquota contributiva del 5.84%. 
Dal 13° mese è pari all'80% dell'importo lordo corrisposto nel primo anno. 
L'indennità che non può superare i massimali stabiliti annualmente. 
L'importo dell'indennità non può mai essere superiore all'importo della retribuzione percepita durante il rapporto di lavoro. 

Sulla prestazione compete l'assegno al nucleo familiare.



PER QUANTO SPETTA

L'indennità di mobilità varia in relazione all'età del lavoratore al momento del licenziamento e all'area geografica in cui è ubicata l'azienda.

 

Età del lavoratore all'atto del licenziamentoAziende NON del MezzogiornoAziende del Mezzogiorno 
(T.U. D.P.R. 218/78)
Fino a 40 anni (non compiuti) 12 mesi 24 mesi
Da 40 a 50 anni (non compiuti) 24 mesi 36 mesi
Oltre 50 anni 36 mesi 48 mesi

 

L' indennità di mobilità non può essere, di regola, superiore all'anzianità lavorativa maturata presso l'azienda che ha effettuato il licenziamento.



PRESTAZIONI COLLEGATE

  • Mobilità anticipata 

  • Mobilità lunga
  • Edilizia (L. 223/91 art. 11 comma 2 - L. 451/94)
  • Trasporto Aereo
  • Mobilità in deroga alla normativa vigente
  • L.127/2006 (reimpiego ultracinquantenni)
  • L.247/2007 (Salvaguardia del diritto per l'accesso alla pensione di anzianità)

 

MOBILITÀ ANTICIPATA

Ha lo scopo di aiutare economicamente il lavoratore in mobilità che decide di iniziare un'attività autonoma o imprenditoriale.

 

La domanda va presentata entro 60 giorni dalla data di inizio dell'attività.

 

L'importo dell'anticipazione è pari all'intera indennità di mobilità spettante decurtata delle mensilità già percepite, escluso l'ANF.

 

Il lavoratore che si rioccupa come dipendente - pubblico o privato - nei 24 mesi successivi alla data di erogazione dell'anticipo, è tenuto a restituire la somma percepita. Il lavoratore è tenuto a dare comunicazione scritta all' INPS entro 10 giorni dall'avvenuta assunzione.

 

scarica la domanda qui 

 

 



MOBILITÀ LUNGA

E' l'indennità che si prolunga oltre il termine della mobilità “ordinaria” per consentire al lavoratore di maturare il diritto alla pensione.

 

Può essere concessa, con decreto, fino al perfezionamento dei requisiti per pensione di vecchiaia o di anzianità.

 

EDILIZIA (L. 223/91 ART. 11 COMMA 2 - L. 451/94)

E' un trattamento speciale di disoccupazione in favore dei lavoratori edili. Anche se assimilato alla mobilità in alcune sue parti, conserva la natura di trattamento speciale edile. 
L.223/91 art.11 c.2. 

Requisiti:

  • 18 mesi di effettivo lavoro;
  • azienda ubicata in aree in crisi in seguito al completamento di opere di grandi dimensioni;
  • lavoratori licenziati successivamente ad un avanzamento dei lavori maggiore del 70%;
  • lavoratore residente in area in crisi o con un rapporto tra iscritti alla prima classe del collocamento e popolazione residente in età da lavoro superiore alla media.

Durata:

  • 18 mesi elevabili a 27 per i residenti delle aree della Cassa per il Mezzogiorno. (Nei limiti stabiliti dal decreto).

L. 451/94.

 

Requisiti:

  • Anzianità di 36 mesi presso l'Azienda che ha attivato la procedura di mobilità, di cui almeno 24 mesi di lavoro effettivamente prestato comprese:
    • ferie;
    • festività;
    • infortunio;
    • maternità.

 


TRASPORTO AEREO

Dal 1 gennaio 2005 il personale, anche navigante, dei vettori aerei e delle società da questi derivanti, sono sottoposti alla disciplina della CIGS e della mobilità.

  • Spetta al personale dei vettori aerei e delle società da questi derivate, anche viaggiante, indipendentemente dal limite dimensionale di più di 15 dipendenti.
  • Dura 36 mesi indipendentemente dall'età dell'assicurato e dall'area geografica di residenza.

L'indennità di mobilità spettante è integrata, per tutta la sua durata, da un fondo (fondo volo). L'erogazione del fondo è legata alla sussistenza del diritto alla prestazione principale.

 

 

MOBILITÀ IN DEROGA ALLA NORMATIVA VIGENTE

E' un'indennità destinata a lavoratori licenziati da imprese non destinatarie della normativa sull'indennità di mobilità, o che non abbiano accesso ai normali ammortizzatori sociali.

 

Spetta a tutti i lavoratori dipendenti compresi apprendisti e somministrati, che, alla data del licenziamento, abbiano 12 mesi di anzianità aziendale e 6 mesi di effettivo lavoro.

 

La durata è fissata dai singolo accordi regionali.

 

L.127/2006 (REIMPIEGO ULTRACINQUANTENNI)

E' un progetto finalizzato al reimpiego di 3.000 lavoratori ultracinquantenni che abbiano compiuto cinquanta anni entro il 31 dicembre 2006.

 

E' destinato a lavoratori di aziende che abbiano sottoscritto specifici accordi col Ministero del lavoro e della Previdenza Sociale e le Organizzazioni più rappresentative dei lavoratori, che abbiano compiuto 50 anni al 31/12/2006 e abbiano i requisiti per accedere ai trattamenti di mobilità ordinaria e speciali per l'edilizia.

 

L.247/2007 (SALVAGUARDIA DEL DIRITTO PER L'ACCESSO ALLA PENSIONE DI ANZIANITÀ)

La L .247/2007 ha riconosciuto ai lavoratori in mobilità ordinaria (nei limiti di 15.000 unità), il diritto a poter accedere al trattamento pensionistico di anzianità mantenendo i requisiti in vigore al 31/12/2007.

 

Hanno diritto esclusivamente i lavoratori in mobilità ordinaria che maturano i requisiti per la pensione di anzianità “entro il periodo di fruizione” della relativa indennità.

 

Sono esclusi i lavoratori:

  • già destinatari di un provvedimento in deroga, con l'eccezione degli ex appartenenti al settore aereo;
  • licenziati da imprese commerciali con più di 50 dipendenti e fino a 200;
  • licenziati da agenzie di viaggio e turismo, compresi gli operatori turistici, con più di 50 dipendenti e da imprese di vigilanza con più di 15 dipendenti;
  • già destinatari di mobilità lunga (leggi n. 176/98; n. 81/2003; n. 296/2006);
  • già destinatari di mobilità cristallizzata (art. 59,c.7,lettera c. L.449/97 modificato dall'art. 1-ter L.176/98 e dall'art 45 c.22 L.144/99);
  • hanno percepito o presentato una domanda di anticipazione di mobilità (art.7 c. 5 L.223/91);
  • destinatari dei benefici del dl. n.68/2006 convertito nella l.124 del 24/3/2006;
  • titolari di pensione di invalidità.

 

La Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria (CIGO)

CHE COSA E’


È un intervento che vuole: 
• sostenere le imprese in situazioni di difficoltà 
• garantire il lavoratore dalla perdita della retribuzione


A CHI SPETTA


Agli operai, impiegati e quadri delle imprese industriali in genere e delle imprese industriali e 
artigiane del settore edile e lapideo, esclusi gli apprendisti.


QUANDO SPETTA


In caso di sospensione o contrazione dell'attività produttiva per situazioni aziendali dovute a:
• eventi temporanei e non imputabili all'imprenditore o ai lavoratori; 
• situazioni temporanee di mercato


LA DOMANDA


La domanda va presentata dalle imprese entro 25 giorni dalla fine del periodo di paga in corso nella 
settimana in cui è iniziata la sospensione o la riduzione dell'orario di lavoro.


IN CHE MISURA


Corrisponde all'80% della retribuzione globale che sarebbe spettata per le ore di lavoro non prestate. 
L'importo del trattamento ordinario non può però superare un limite massimo mensile stabilito di 
anno in anno (per il 2002 è di € 776,12 ed è elevato a € 932,82 in caso di retribuzione mensile 
superiore a € 1.679,07). 
Tali importi sono ridotti di un'aliquota che attualmente è pari al 5,54%. 
Nel settore edile e lapideo quando la CIG è stata determinata da eventi meteorologici, il limite è 
incrementato del 20% (per il 2002 è di € 931,34 ed è elevato a € 1.119,38 in caso di retribuzione 
mensile superiore a € 1.679,07). I periodi di Cassa integrazione guadagni sono utili per il diritto e 
per la misura della pensione.


NON SPETTA


Se il lavoratore in Cassa integrazione svolge contemporaneamente attività retribuita, senza averlo 
prima comunicato alla propria Sede INPS, decade dal diritto alla prestazione. In caso di 
comunicazione preventiva la prestazione viene sospesa per la durata dell'attività lavorativa


PER QUANTO TEMPO


La durata massima è di 13 settimane, più eventuali proroghe fino a 12 mesi. In determinate aree 
territoriali il limite è elevato a 24 mesi. Per le imprese edili e per quelle del settore lapideo la durata 
massima, in caso di sospensione del lavoro, è di 13 settimane; di 52 settimane quando trattasi di 
riduzione dell'orario di lavoro.

 

scarica la domanda qui 

 

isuzu cikarang isuzu cikarang bekasi jakarta isuzu giga isuzu giga isuzu giga isuzu elf isuzu panther Dealer Isuzu Bekasi Cibitung Cikarang isuzu elf isuzu giga elf sparepart isuzu kredit isuzu harga isuzu promo isuzu dealer isuzu isuzu isuzu mobil isuzu bekasi isuzu online isuzu kita promo isuzu promo isuzu isuzu giga isuzu panther isuzu elf paket umroh Resep Masakan Resep Masakan